Numero Verde
CALCOLA PREVENTIVO


Prestiti Inpdap

TAN dal 3,95% fino a 75.000€ in Convenzione Inps!

Richiedi il Preventivo Senza Impegno!

Compila ora il Modulo Online!

Preventivo gratis in 1 minuto
Importo Desiderato
Durata del Prestito
mesi
L'Interessato ricevuta e presa visione dell'Informativa sulla Privacy (Regolamento UE 2016/679) esprime il proprio consenso al trattamento dei propri dati personali per la finalità indicata.
Avanti >>
Indietro

RECENSIONI CLIENTI


LEGGI TUTTE LE RECENSIONI SU


Home / Guida Prestiti Personali / Prestiti Inpdap

Prestiti Inpdap: cosa sono?

I Prestiti Inpdap sono una particolare categoria di prestiti, a condizioni molto agevolate, a cui possono accedere i dipendenti Statali e Pubblici e i pensionati. I prestiti Inpdap possono essere diretti, con erogazione da parte dello Stato, o indiretti e cioè erogati da istituti finanziari privati convenzionati.

E’ importante ricordare che, da gennaio 2012 con il Decreto Salva Italia, l’Inpdap è stata soppressa e tutte le funzioni dell’ente sono passate nell’Inps. Di conseguenza, anche i prestiti Inpdap possono essere richiesti o all’Inps, che gestisce i dipendenti Statali e Pubblici iscritti alla gestione ex Inpdap, tramite il portale Noipa, o agli istituti finanziatori privati convenzionati. Vediamo, di seguito, tutti i Prestiti Inpdap nel dettaglio!

Prestiti Inpdap: cos'è Il piccolo prestito inpdap?

Il Piccolo prestito Inpdap, gestione dipendenti Pubblici, si rivolge ai dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito) e consiste nell’erogazione di piccole somme. Con questa tipologia di prestito, l’Inps concede piccoli importi a breve termine, da 12 ad un massimo di 48 mesi, da rimborsare con rate fisse trattenute direttamente sullo stipendio o pensione. Inoltre, non essendo un prestito finalizzato non occorre alcuna motivazione per richiederlo. I piccoli prestiti vengono concessi nei limiti delle disponibilità finanziarie previste annualmente nel bilancio dell’Inps. La richiesta del finanziamento deve essere fatta all’Inps direttamente online scaricando un apposito modulo.

È utile, inoltre, sapere che il piccolo prestito Inpdap può essere rinnovato dopo aver pagato il 50% del piano di ammortamento e può essere estinto in qualsiasi momento.

Prestiti Inpdap: cosa sono i prestiti pluriennali diretti?

I prestiti pluriennali Inpdap sono concessi a  dipendenti e pensionati pubblici iscritti alla Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (Fondo Credito). Sono erogati solo per determinate necessità personali o familiari del richiedente il cui dettaglio è previsto nel Regolamento interno: acquisto e ristrutturazione della casa; installazione di impianti per energia rinnovabile; acquisto auto; matrimonio; studio dei figli; cure mediche ed altri ancora. L’importo massimo erogabile del prestito dipende dal quinto dello stipendio o delle pensione netta e la durata può essere di 5 o 10 anni.

Per richiedere ed ottenere il Prestito Inpdap Pluriennale è necessario fornire la documentazione che attesti le reali necessità del finanziamento allegando, eventualmente, le spese sostenute. E’ previsto un tasso di interesse vantaggioso. I prestiti Inpdap pluriennali in corso possono essere rinnovati solo se sono passati i 2/5 della durata complessiva, ovvero il 40% del piano di ammortamento. Il prestito quinquennale può essere rinnovato prima che sia trascorso il 40% dell’ammortamento solo accedendo ad un nuovo prestito di durata decennale.

Prestiti Inpdap: cosa sono i prestiti pluriennali indiretti?

I prestiti pluriennali Inpdap garantiti indiretti sono concessi a  dipendenti iscritti alla gestione ex Inpdap e sono concessi da istituti finanziatori convenzionati con l’Inps. Per richiedere il finanziamento è necessario essere assunti con contratto a tempo indeterminato ed avere almeno 4 anni di anzianità lavorativa. La durata dei prestiti pluriennali garantiti può essere di 60 o di 120 mesi e la rata massima non può superare il 20% dello stipendio netto mensile.

Per richiedere il prestito bisogna presentare la domanda in quattro esemplari all’Amministrazione di appartenenza su appositi modelli forniti dall’Inps, senza alcuna motivazione o giustificativo di spesa, ma con allegato un certificato medico di sana e robusta costituzione fisica. L’Amministrazione trasmette la domanda al finanziatore che ha il compito di definire la proposta di contratto e inviarla all’Amministrazione, che provvede a trasmetterla alla sede INPS di competenza. L’Inps, dopo aver valutato la completezza della richiesta, decide se approvare il prestito o meno. Il processo di gestione del prestito è ricco di burocrazia in alternativa, i dipendenti Statali e Pubblici possono richiedere la Cessione del Quinto che ha delle caratteristiche simile ma molto più flessibili del prestito pluriennale garantito con dei tassi d’interesse altrettanto vantaggiosi.